Abbiamo potuto leggere in anteprima, con largo anticipo rispetto all’uscita, uno dei fumetti più attesi dell’anno, Dylan Dog 361: Mater Dolorosa. Nell’albo targato Sergio Bonelli Editore che giungerà in edicola il prossimo 29 settembre vanno in scena – chi con una parte principale, chi solo con un cammeo – figure fondamentali nella vita dell’ex poliziotto di Scotland Yard.

Dylan Dog 361: Mater Dolorosa, anteprima 01Un ruolo di rilievo è riservato ai suoi genitori, che non vengono mai nominati durante la vicenda: li ritroviamo in un imprecisato quanto remoto passato, a bordo di un galeone, elemento emblematico della saga nata dal genio di Tiziano Sclavi. Sulla nave che attraversa un mare agitato e nero come la pece, Xabaras e Morgana sono intenti a salvare la vita del proprio giovanissimo figlio febbricitante; il primo affidandosi alla ragione e alla scienza, la seconda al bene incondizionato. È un sogno? Una reminiscenza? O forse un delirio dell’Indagatore dell’Incubo, ricaduto nel male oscuro che lo ha quasi ucciso alcuni anni fa, tra le braccia di Mater Morbi, signora di ogni malattia?

In un susseguirsi di ricordi, sprazzi di presunta realtà e allucinazioni, Roberto Recchioni ci svela i prodromi che si celano dietro la ricerca folle di una medicina miracolosa per l’intera umanità che ha perseguitato per tutta l’esistenza il padre di Dylan. Ci riporta a Moonlight, dove il nostro Old Boy ha vissuto con la dolce Marina il suo amore adolescenziale, così come descritto nel seminale Il lungo addio (Dylan Dog 74); ma nel piccolo paese marittimo incontra inaspettatamente il suo nemico mortale, John Ghost, introdotto nelle trame del nuovo corso in Al servizio del Caos (Dylan Dog 341). Il cinico, spietato uomo d’affari (almeno così come appare nella nostra dimensione) ha in serbo per lui una rivelazione e una profezia per ora fumose, ma certamente inquietanti.

Dylan Dog 361: Mater Dolorosa, anteprima 02Il fulcro del racconto ruota tuttavia attorno alla sfera materna e sessuale, in una sorta di rivisitazione – almeno per l’elemento femminile – del Complesso di Edipo. Dylan è sospeso tra l’infanzia e l’età adulta, tra la protezione ostinata, dettata dall’affetto della madre (Dylan Dog 25: Morgana) e l’ineluttabilità del dolore appartenente alla crescita e alla conoscenza (Dylan Dog 280: Mater Morbi).

Mater Dolorosa è una metafora che travalica le vicissitudini del protagonista per diventare condizione universale. A chi si attendeva un fumetto incentrato sulla continuity, l’autore romano risponde con un racconto cruciale per le aspirazioni della serie, concentrandosi sul lato più complesso e attraente che sempre l’ha contraddistinta: quello esistenziale. Recchioni si mette davvero in gioco nel soggetto e nell’intensa sceneggiatura, scegliendo con coraggio un percorso scivoloso, sospeso in bilico tra poesia e pateticità, uscendone vincente.

A sorreggerlo e a fiancheggiarlo nella sfida, è una prova immensa di Gigi Cavenago, alle matite e ai colori. La creatività del disegnatore milanese (che mai prima d’ora si era cimentato sul personaggio) si presta alle esigenze della logica sequenziale senza rinunciare a uno slancio artistico che sfiora in diverse tavole un’espressività pittorica, oltre a segnare a livello estetico uno dei vertici assoluti per il mensile bonelliano. I festeggiamenti per i trent’anni di Dylan Dog non potevano iniziare meglio di così.

Mater Dolorosa