Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

 

 

ARRIVA IL “FESTIVAL DEL FUMETTO DISNEY”

 

Dal 25 maggio al 22 giugno dieci incontri in una serie di Mondadori Store selezionati insieme ai più noti fumettisti Disney per festeggiare l’85° anniversario di Paperino.

Il Maestro Giorgio Cavazzano e Silvia Ziche protagonisti del primo incontro, sabato 25 maggio a Milano.

 

Festival del Fumetto Disney, locandina di Giorgio CavazzanoMilano, 13 Maggio 2019 –  Il 9 giugno del 1934 nel cortometraggio “The Wise Little Hen“ (La Gallinella saggia), compariva per la prima volta Donald Duck, un vivace papero vestito alla marinara inizialmente destinato a un’apparizione in un singolo corto. Divertente, sfortunato, testardo, impaziente, talvolta romantico  Donald Duck, per noi Paperino, conquistò velocemente il pubblico di ogni età. The Walt Disney Company Italia celebra il suo 85° anniversario con il “Festival del Fumetto Disney” realizzato in collaborazione con Mondadori Store e che prevede nel mese di maggio dieci incontri in una selezione di librerie Mondadori con alcuni tra i più noti disegnatori Disney. Gli appassionati lettori di fumetti Disney potranno così incontrare Giorgio Cavazzano, Silvia Ziche, Corrado Mastantuono,  Francesco D’Ippolito, Claudio Sciarrone, Paolo Campinoti, Stefano Intini, Francesco Guerrini ed Emilio Urbano. Con questa iniziativa, Disney Italia vuole sottolineare il contributo al personaggio di Paperino da parte di tanti artisti italiani del fumetto noti anche all’estero. “Festival del Fumetto Disney” può vantare una locandina davvero speciale, un inedito ritratto di Paperino realizzato dal Maestro Cavazzano.

Il  “Festival del Fumetto Disney” prenderà il via il prossimo 25 maggio presso il Mondadori Megastore di Milano Piazza Duomo. A partire dalle ore 17.00, il Maestro Giorgio CavazzanoSilvia Ziche, innovativa interprete del mondo dei paperi disneyani, e lo storico del fumetto Luca Boschi saranno i protagonisti di un incontro moderato da Gianluca Landone, Publishing DirectorThe Walt Disney Company Italia, sul profondo legame tra Paperino e la tradizione del fumetto Disney realizzato in Italia. Un’occasione unica per conoscere da vicino la storia del papero più amato del mondo e per vedere all’opera gli straordinariGiorgio Cavazzano e Silvia Ziche che realizzeranno un disegno“live” e al termine dell’evento saranno a disposizione dei presenti per domande e autografi.

Da sempre il pubblico ama Paperino ma qual è la chiave del suo successo? Una domanda a cui Giorgio Cavazzano e Silvia Ziche hanno provato a rispondere in vista del loro appuntamento milanese. Secondo il Maestro Cavazzano “Gli italiani amano Paperino perchè in fondo ha un’anima latina! È esuberante, creativo, astuto, ostinato, ha un carattere volubile…è il personaggio degli estremi. Si arrabbia ma poi gli passa, sembra uno zuccherino ma poi si arrabbia, sa essere romantico e capriccioso quando serve  e poi…adora il suo divano!” Secondo Silvia Ziche invece “Fra i tanti aggettivi che da sempre cercano di descrivere il poliedrico Paperino, trovo che rassicurante gli calzi a pennello e abbia senz’altro contribuito a renderlo così popolare e amato. Non solo lo sentiamo  uno di noi ma, in fondo, quando ci capita la giornata storta che più storta non si può sappiamo che comunque a Paperino andrà peggio . E se non è rassicurante  questo…”

Il “Festival del Fumetto Disney” farà tappa a Roma il 1° giugno con la presenza di Corrado Mastantuono per ritornare poi a Milano l’8 giugno insieme a Claudio Sciarrone, attuale detentore del record mondiale della striscia a fumetti più lunga del mondo (297,50 metri), realizzata nello scorsa edizione di Lucca Comics in omaggio al personaggio di Topolino.

Oltre a Roma e Milano il “Festival del Fumetto Disney” arriverà anche nelle librerie Mondadori di Genova, Arese, Padova, Bologna, Lecce, Albignasego (Padova) e Taranto dove conquisterà anche il pubblico dei più piccoli grazie a sessioni di workshop di disegno sempre in compagnia di famosi disegnatori.

 

FESTIVAL DEL FUMETTO DISNEY – CALENDARIO

  • Mondadori Megastore Milano, Piazza Duomo: 25/5 –   Giorgio Cavazzano – Silvia Ziche
  • Mondadori Bookstore Roma, Piazza Cola di Rienzo 81: 1/6 – Corrado Mastantuono
  • Mondadori Bookstore Genova, Via XX settembre 27R: 1/6 – Francesco D’Ippolito
  • Mondadori Megastore Milano, Via Marghera 28: 8/6  – Claudio Sciarrone
  • Mondadori Megastore Arese C.C. Il Centro: 9/6 – Paolo Campinoti
  • Mondadori Bookstore Padova,  P.zza Insurrezione 3: 15/6 –  Stefano Intini
  • Mondadori Bookstore Bologna, Via Massimo D’Azeglio 34/A: 8/6 – Francesco Guerrini
  • Mondadori Bookstore Lecce,   Viale Cavallotti 7/A: 15/6 –  Emilio Urbano
  • Mondadori Bookstore Albignasego (Padova), C.C. Ipercity: 22/6 – Stefano Intini
  • Mondadori Bookstore Taranto, C.C. Porte Dello Jonio: 22/6 – Emilio Urbano

 

The Walt Disney Company

The Walt Disney Company è un gruppo diversificato leader nel mercato dell’intrattenimento per famiglie e attivo in cinque segmenti: Media Networks, Parchi e Resorts, Studios, Prodotti Derivati e Interactive.

The Walt Disney Company Italia, fondata nel 1938, è stata la prima filiale internazionale di Disney al mondo. Con sede a Milano, si distingue per la grande creatività nella produzione di contenuti artistici, editoriali e televisivi. In Italia, The Walt Disney Company opera in molteplici aree di business: televisione, prodotti derivati, home entertainment, cinema, editoria, musica, parchi tematici, interactive, internet e negozi monomarca. Il marchio Disney ha sempre avuto una forte affinità con la cultura italiana ed infatti il suo valore percepito nel nostro Paese è uno dei più alti del mondo. Gli italiani adorano la magia Disney: lo confermano gli altissimi dati di ascolto registrati ogni qualvolta un film Disney è trasmesso in televisione e il successo del marchio Disney abbinato alla creatività di aziende leader italiane.

Disney Italia è anche attiva nella comunità e collabora con scuole, ospedali, musei, organizzazioni locali come WWF Italia e diverse onlus quali ABIO (Associazione Bambini in Ospedale), Telethon, Make-a-Wish e MediCinema http://www.medicinema-italia.org/. Nel 2013 The Walt Disney Company ha stanziato risorse finanziarie e donazioni di vario genere, pari a oltre 370 milioni di dollari, al fine di realizzare un cambiamento positivo e incisivo nella vita dei bambini e delle famiglie in difficoltà in ogni parte del mondo. The Walt Disney Company fornisce un sostegno sia finanziario che logistico ai VoluntEARS, il programma di volontariato a cui partecipano i suoi impiegati, che dal 1983 a oggi, in 42 paesi, hanno dedicato oltre 7,7 milioni di ore a questa iniziativa.

 

 

85 ANNI DI RISATE E AVVENTURE CON PAPERINO

A cura di Luca Boschi

 

Irresistibilmente comico, nevrotico quanto scanzonato, sfortunato ma comunque sempre ottimista, Paolino Paperino, ovvero Donald Duck, è una delle icone pop più longeve e note a livello mondiale. La sua fama planetaria è suggellata da una stella a suo nome nella Walk of Fame di Hollywood, al pari delle massime star del cinema.

 

Sul grande schermo

Come le migliori invenzioni, Paperino nasce per caso. All’inizio, 85 anni fa, è appena un comprimario nel cortometraggio animato di Walt Disney The Wise Little Hen (in Italia La gallinella saggia), del ciclo Silly Symphonies. Diretto da Wilfred Jackson, lo short debutta sugli schermi il 9 giugno 1934; questa data è considerata ufficialmente quella della sua nascita. Vivendo in una casetta costruita su una chiatta dello stagno, Paperino indossa una casacca e un berretto da marinaio; anche in seguito rimarrà questo il suo abbigliamento preferenziale.

Raccolte istantaneamente le simpatie del pubblico, anche grazie alla caratteristica voce prestatagli dall’eclettico Clarence Nash, che lo doppia in tutte le lingue, Paperino si trasforma nella “spalla” impertinente e indisciplinata di Topolino, nei disegni animati e nei fumetti. Quindi, a tempo di record viene promosso protagonista assoluto in tutti i media, a partire dal cinema, dove vari registi lo dirigono in almeno 172 cortometraggi e in alcuni lungometraggi di grande successo come Saludos Amigos (1942), I tre caballeros (1944), Bongo e i tre avventurieri (1947), Chi ha incastrato Roger Rabbit? (1988) o Fantasia 2000 (1999).

In televisione, oltre ad essere protagonista di vari special, Paperino interpreta almeno otto serie di disegni animati appositamente creati per il piccolo schermo. Fra queste la recentissima DuckTales – Avventure di Paperi (2017-2019), dove Paperino ha un ruolo centrale insieme a Zio Paperone e ai Nipotini.

 

Paperino a fumetti

Nelle tavole, Paperino esordisce domenica 16 settembre 1934 in una sorta di sequel de La gallinella saggia cinematografica, al fianco del suo primo amico, Meo Porcello (Peter Pig). Su sceneggiatura di Ted Osborne, lo disegna Charles Alfred Taliaferro, per gli amici solo “Al” Taliaferro.

I lettori italiani conoscono questo primo ciclo di avventure di Paperino a partire dal 10 marzo 1935, ma non su Topolino, come si potrebbe pensare, bensì sul gigantesco Supplemento a Topolino (numeri 28-35) dell’editore Nerbini: un “lenzuolo” dal formato record di cm 40×56. Il titolo italiano completo adottato per questa prima storia di Paperino è I due fannulloni, storiella comica dalle Sinfonie Allegre di Walt Disney.

Taliaferro, che si innamora del personaggio al punto di convincere Walt Disney di affidarglielo, per trasportarlo in una serie di tavole autoconclusive e quindi in una striscia quotidiana per i giornali, che viene pubblicata dal 7 febbraio 1938. L’artista americano è anche il creatore dei tre identici nipotini Qui, Quo e Qua (nel 1937): i primi membri di una famiglia in via di formazione che va dal cugino Ciccio (Gus Goose, 1938) alla fidanzata Paperina (Daisy Duck, 1940). Con lo sceneggiatore Bob Karp, Taliaferro lancia nei fumetti anche l’automobile di Paperino, targata 313 (1938) e Nonna Papera (Grandma Duck, 1943).

 

Un primato italiano

In Italia Donald Duck fa subito presa, al punto di essere onorato con un giornale intitolato a suo nome: Paperino e altre avventure, in edicola ogni settimana dal 30 dicembre 1937. È un vero primato, a livello mondiale. Pubblicato da Arnoldo Mondadori, il giornale è diretto da Federico Pedrocchi, che è anche autore di testi e disegni delle prime storie di ampio respiro con Paperino, a cominciare dalla sua prima avventura a puntate, Paolino Paperino e il mistero di Marte (1937), che occupa le prime pagine del settimanale.

Dal 1942 giungeranno anche negli Stati Uniti le prime storie lunghe con Paperino, create per i comic book e tradotte in tutto il mondo. L’autore principale che le scrive e disegna è Carl Barks, definito per le sue storie “l’Uomo dei Paperi” e anche “il massimo narratore del Novecento”. Per un quarto di secolo, Barks contribuisce a forgiare il carattere di Paperino, crea Paperopoli, capitale dello Stato del Calisota, e un entourage di personaggi che diverranno a loro volta leggendari. Fra questi: lo zio “fantastiliardario” Paperon de’ Paperoni (1947), il cugino fortunato Gastone Paperone (1948), il corpo scout delle Giovani Marmotte (1951), i fuorilegge della Banda Bassotti (1951), l’inventore Archimede Pitagorico (1952), la fattucchiera napoletana Amelia (1961) e tanti altri.

Oltre a Barks, una scuola di fumettisti nasce e si sviluppa nel dopoguerra sulle pagine del tascabile Topolino, grande successo dell’editoria italiana, puntualmente in edicola dall’aprile 1949. Tra gli altri autori vanno citati almeno Luciano Bottaro, Marco Rota, Massimo De Vita… E Giorgio Cavazzano, che batte ogni record di pubblicazioni e ristampe di storie in tutto il mondo, in oltre il mezzo secolo di instancabile produzione fumetti Disney, dopo aver collaborato, giovanissimo, per un decennio con l’altro celebrato Maestro italian Romano Scarpa. Nel firmamento di Paperino, si devono alla matita di Cavazzano, fra gli altri la leggiadra monarca Reginella, la giustiziera Paperinika, l’investigatore Umperio Bogarto, l’alieno ecologista OK Quack, il maggiordomo Battista

Alla fine degli anni Ottanta, grazie all’Accademia Disney emergono molti nuovi talenti fumettistici. Fra questi, Silvia Ziche si segnala per l’interpretazione grafica innovativa che conferisce ai personaggi classici. Il suo timbro umoristico inedito si rivela nel mondo di Paperino soprattutto con la “papernovela” Il Papero del mistero (1996), o con la parodia Paperina di Rivondosa (2005). Senza dimenticare la vignetta-editoriale del ciclo Che aria tira… a Paperopoli, che apre ogni fascicolo di Topolino a partire dal n. 2697 del 2007, in alternanza con altri comici interventi dedicati da Silvia a Topolinia.

 

50 anni di Paperinik

Nel 1969, per rispondere alle richieste dei lettori di Topolino, che desiderano per Paperino un riscatto dalla proverbiale sfortuna sullo sfondo di tante sue avventure, gli autori italiani rispondono con la creazione di Paperinik, il giustiziere mascherato! Con un armamentario di gadget strampalati quanto efficaci, un costume che ne cela l’identità e con degli adeguati “trucchi” sistemati sulla sua 313, che diviene un’auto volante, Paperinik è protagonista di una lunga quanto esilarante serie di avventure tradotte e amate in tutto il mondo.

Con la sceneggiatura di Guido Martina e un primo character design (in seguito precisato più volte) “confezionato” dal Maestro del disegno Giovan Battista Carpi, Paperinik debutta sul n. 705 di Topolino in edicola l’8 giugno 1969, con la storia Paperinik il diabolico vendicatore.

Sono trascorsi 50 anni precisi da quel momento, che scocca alla vigilia del trentacinquesimo compleanno di Paperino; il suo epico alter ego è davvero un bel regalo: la soluzione ottimale per rinforzare l’autostima di un personaggio che da allora, all’occorrenza, continua a impersonare Paperinik. Lo fa attraverso centinaia di storie, in massima parte realizzate in Italia e tradotte in tutto il mondo.

 

Luca Boschi