Lupin La Partita Italiana

A gennaio 2016, in Giappone, è stato trasmesso La partita italiana, special animato (l’ultimo, ad oggi) tratto da L’avventura italiana, la quarta serie televisiva di Lupin III. Non si tratta di un film interamente originale ma di un montaggio di tre episodi dell’anime, il quale ai tempi doveva ancora concludersi nel Sol Levante (mentre in Italia era già andato in onda nella sua interezza). La tempistica di programmazione ne fa quindi un prodotto ibrido, una sorta di riassunto della quarta stagione animata a cui si aggiunge una vicenda che funge da filo conduttore.

Agli occhi degli spettatori giapponesi, La partita italiana ha arricchito il rapporto tra Lupin III e Rebecca Rossellini mostrando il loro primo incontro; trattasi di scene che appartengono alla ventitreesima puntata, da noi trasmessa regolarmente con il resto della serie e che in Giappone è contenuta esclusivamente nell’edizione home video. L’ignaro pubblico nipponico, dunque, ha goduto di un retroscena fondamentale legato al comprimario più importante di L’avventura italiana, un valore aggiunto che viene però a mancare dal punto di vista dello spettatore italiano che fruisce dello special dopo la quarta serie televisiva.

Troviamo innanzitutto una versione estesa del primo episodio: il matrimonio tra Rebecca e Lupin con il movimentato furto della corona è senza dubbio uno dei picchi dell’anime ed è piacevole godere una seconda volta degli inseguimenti forsennati messi in scena. Viene poi riproposta la vicenda del terzo appuntamento, ovvero l’incontro con l’agente Nyx, ma per quanto la storia sia avvincente e ben raccontata, la sua presenza in questo mash-up risulta abbastanza pretestuosa e sacrifica minutaggio che poteva essere concesso a Rebecca, la quale risulta sacrificata nell’economia del film.

Vale la pena recuperare La partita italiana per una ventina di minuti inediti ben mescolati con il materiale prodotto in precedenza. L’avversario è un misterioso conte mascherato che manovra Lupin e gli altri personaggi come pedine degli scacchi, con l’obiettivo di mettere le mani sul tesoro di Cagliostro. Il collegamento con il lungometraggio più famoso del Ladro Gentiluomo è palese, anche se qui ci sono più riferimenti all’effettiva leggenda legata alla Rocca di San Leo.

Il cast di questo special è il medesimo della serie televisiva da cui è tratto, ma spicca la sequenza iniziale diretta da Koji Morimoto (Memories, Animatrix): uno stupefacente montaggio di momenti della lunga carriera di Lupin tratti dalle sue precedenti avventure animate, così come dal manga di Monkey Punch.

 

CHRONO LUPIN III: