Siamo stati tra i primi a parlarvi della nuova serie di Tex in preparazione per quest’anno, un annuncio appena sussurrato alla scorsa edizione di Cartoomics da Mauro Boselli. Il curatore editoriale di Aquila della Notte, insieme a Davide Bonelli, propone ora in primi dettagli, in occasione della conferenza stampa per l’inagurazione della mostra Tex – 70 anni di un mito, che prenderà il via domani, mercoledì 2 ottobre, a Milano.

Il nuovo mensile si intitolerà Tex Willer e, com’è consuetudine, sarà presentata in anteprima a Lucca Comics & Games 2018, per arrivare in edicola il prossimo 16 novembre. Ci sarà anche un numero zero, in allegato a Zagor 639 (in uscita il 3 ottobre) e a Tex 697 (previsto per l’inizio di novembre), disegnato da vari artisti del team creativo, tra cui figurano Bruno Brindisi, Roberto De AngelisFabio Valdambrini, Sergio GiardoAlessandro Piccinelli, quest’ultimo autore anche della copertina.

Maurizio Dotti sarà invece il copertinista ufficiale dal numero 1 della collana, che uscirà nel nuovo formato standard di Bonelli (17 x 23 cm, B, 64 pp., b/n). Il progetto è incentrato sulla tumultuosa giovinezza del personaggio creato nel 1948 da Gianluigi Bonelli e Aurelio Galeppini, quando era ancora uno dei fuorilegge più ricercati della Frontiera.

 

Davide Bonelli – Proprio discutendo di queste “zone d’ombra” mai ancora esplorate come meritano, un paio di anni fa, durante un’informale chiacchierata con il curatore nonché sceneggiatore principe della serie Mauro Boselli, ci è venuta l’idea di tornare alle origini del mito texiano, in un mensile che porta nel titolo il nome con cui, sugli avvisi di taglia, si invitava chiunque lo incontrasse a catturarlo e consegnarlo alla Legge vivo o morto: Tex Willer.

 

Gli fa eco Mauro Boselli, che annuncia il ritorno in scena di indimenticabili comprimari e villain, oltre ad anticipare qualcosa del primo episodio, Vivo o morto!, da lui scritto per le matite di Roberto De Angelis:

 

Mauro Boselli – Ebbene, mentre nella vita vera non si può tornare indietro, il miracolo del fumetto è che invece si può fare! Tex può vivere la sua vita mensile attuale e averne un’altra parallela, che esplora le pagine sconosciute della sua indimenticabile giovinezza.

[…] Non abbiamo riscritto le prime, grandi storie di Gianluigi Bonelli: quelle ci sono già, svelte, energiche ed esplosive come una fucilata, e le possiamo rileggere ogni volta che ci piace. Noi vogliamo farvi scoprire le altre, quelle che il creatore di Tex, andando a mille all’ora sui tasti della sua macchina per scrivere, non ci ha raccontato, ma di cui ha talvolta lasciato rapidi accenni. Chi era Bill il Rosso? Che cosa accadde a Tesah quando fu lasciata nella cittadina di Saint Thomas? Coffin si salvò dall’incendio del ranch? Davvero ci è stato raccontato tutto, del periodo rivoluzionario di Tex con Montales? E di Lupe Velasco? E di Marie Gold? E del ranger Arkansas Joe? E del giovane Kit Carson? E di “Damned” Dick? E di Cochise dei Chiricahuas? E della carriera teatrale e spionistica dei fratelli Dickart, ossia Mefisto e Lily?

[…] Oltre ai mitici personaggi bonelliani degli esordi – ne troveremo alcuni appartenenti alla Storia del West – a volte già apparsi nella saga, come Allan Pinkerton e Buffalo Bill, a volte no, come l’agente Pinkerton Kate Marsh e il senatore Abe Lincoln…

[…] La prima storia, per un sentito e necessario omaggio al mito e ai due grandi fumettisti che l’hanno creato, prenderà avvio proprio da quel primo episodio con Tesah e il suo tesoro segreto, ma – come vedrete – scoprendone antefatti, seguiti e particolari nuovi.

 

I presupposti sono dunque entusiasmanti, giudicate voi dalle prime tavole.

 

 

 

Fonti: Sergio Bonelli Editore | Tex – Sergio Bonelli Editore