Typhoid Mary, nota anche come Mutant Zero, è un personaggio Marvel creato da Ann Nocenti e John Romita Jr. sulle pagine di Daredevil #254 (1988). Al secolo Mary Alice Walker, il suo alias è ispirato al personaggio storico noto come Mary tifoide, portatrice sana di Tifo che negli anni Venti contagiò una trentina di persone, alcune delle quali persero la vita.

Typhoid Mary è conosciuta prevalentemente per essere stata un’avversaria – nonché amante – di Daredevil. È una mutante con un poteri psionici di basso livello, tra cui la telecinesi.

 

ORIGINI

 

Daredevil: Hardcore #1, copertina di Alex Maleev

Dell’infanzia di Mary Walker si conosce poco, dato che la incontriamo per la prima volta come prostituta di un bordello di New York. Il suo potere mutante latente viene indirettamente attivato proprio da Matt Murdock, impegnato a seguire un criminale fino al “luogo di piacere”. A seguito della colluttazione seguente, il Cornetto scaglia involontariamente la donna dalla finestra, risvegliando anche la sua seconda – e terza – personalità, oltre che i suoi poteri.

Mary soffre infatti di Disturbo dissociativo dell’identità, e ha due personalità anomale pronte a prendere il controllo della sua mente. A quella nativa di Mary, placida e pacifica, si aggiungono quella di Typhoid, impavida, lussuriosa e aggressiva, e di Bloody, spietata, crudele e misandrica.

Grazie al suo potere mutante, alla sua spiccata conoscenza delle arti marziali e alla sua personalità dominante, Typhoid Mary diviene una pedina di Kingpin nella sua perenne crociata contro Daredevil. La donna sviluppa dunque un rapporto di amore/odio con il Diavolo di Hell’s Kitchen, arrivando a lasciarlo quasi in fin di vita, prima di essere sconfitta dal vigilante.

Grazie a una serie di cure specifiche, tra cui l’ipnosi, Mary Walker sembra guarire dalla sua patologia, per cominciare una vita normale, cosa che la porta a sviluppare un sincero rapporto di amicizia con Mary Jane Watson, prima che Bloody Mary decida di attaccare Spider-Man.

 

DEADPOOL

 

Mary viene in seguito internata in un istituto di igiene mentale, dove assume Deadpool per ucciderla; contestualmente, Typhoid Mary assume lo stesso Wade Wilson per liberarla, mentre Bloody Mary gli Animus – entità sovrannaturali – al fine di continuare a scatenare il caos fuori dall’istituto in sua assenza. Il Mercenario Chiacchierone sconfigge gli Animus ma si rifiuta di uccidere la Walker, consentendo così a Typhoid Mary di riprendere il controllo.

Più tardi, i due hanno una specie di team-up e finiscono per affrontare insieme Daredevil.

 

ALTRE APPARIZIONI

 

Incarcerata dopo essere stata nuovamente sconfitta da Daredevil, Typhoid Mary riesce a fuggire a seguito dell’evasione di massa dal RAFT organizzata da Electro, evento che porta alla nascita dei New Avengers.

Dopo la prima Guerra Civile dei Super Eroi, la donna entra a far parte della cosiddetta Iniziativa dei Cinquanta Stati promossa da Tony Stark, lavorando per Henry Peter Gyrich con il nome in codice di Mutant Zero, e mantenendo le sue personalità sotto controllo. A seguito dell’Invasione Segreta degli Skrull, Norman Orborn diventa direttore dello S.H.I.E.L.D., convertendolo in H.A.M.M.E.R., e Mary si dà alla macchia a Madripoor.

Più tardi, fa ritorno a New York per combattere, assieme ad altri eroi, anti-eroi e vigilanti, un Daredevil passato al lato oscuro. Nonostante si professi redenta, la donna lavora in realtà per Kingpin come spia infiltrata. Liberatasi in seguito dal giogo di Wilson Fisk, si ritrova a collaborare con un gruppo criminale mutante guidato da Lady Deathstrike, ma viene sconfitta da Psylocke.

In occasione del suo debutto sul piccolo schermo, Mary sta per fare il suo ritorno in scena sulle pagine dei fumetti con la saga Typhoid Fever, nel corso della quale se la dovrà vedere con Spider-Man, Iron Fist e gli X-Men.

 

 

Typhoid Fever, copertina di R.B. Silva