Lo scorso 24 gennaio è uscito negli Stati Uniti X-Men: Blue Annual #1, scritto da Cullen Bunn e disegnato da Edgar Salazar, con copertina di Nick Bradshaw. L’albo conteneva la prima parte di un nuovo crossover, Poison-X, che vede allearsi la Squadra Blu degli X-Men e Venom.

Nell’intervista che stiamo per proporvi, pubblicata originariamente dal sito ufficiale della Marvel, Bunn spiega perché Marvel Girl, Ciclope, l’Uomo Ghiaccio, Bestia e Angelo finiscono per le forze con Eddie Brock.

 

X-Men: Blue Annual #1, copertina di Nick Bradshaw

La storia di Poison-X avviene qualche tempo dopo che Thanos [un suo doppione dimensionale – NdR] ha scoperto il nostro universo in Venomverse. I Poison hanno lavorato silenziosi ma veloci per fare i loro ignobili preparativi. Ovviamente, gli X-Men non sanno nulla di tutto ciò. Vengono tirati dentro in quest’avventura per via dei Predoni Stellari. Ciclope viene a sapere che suo padre (Corsaro) e il resto dei Predoni sono in cattive acque e che sono coinvolti i simbionti alieni. Ciò attira nello spazio gli X-Men, che portano con loro Venom in qualità di esperto in materia.

Tutto ciò, ovviamente, non poteva accadere in un momento peggiore. Gli X-Men sono appena tornati dal loro tempo d’appartenenza, scossi dalle ripercussioni del viaggio. In più, sono nel bel mezzo dell’indagine legata alla cospirazione Mothervine.

Immaginate una creatura debole e fragile… un essere senza alcun tipo di potere, all’ultimo posto della catena alimentare, perché non è né molto intelligente né forte. In seguito, viene a sapere che può essere estremamente potente senza alcuno sforzo! Questa creatura [il Poison – NdR] assorbe il potere, utilizzandolo per accumularne altro. In più, è complessata perché è sempre stata debole e inutile, mentre ora la rabbia che prova è al culmine, e intende sfogare la sua vendetta sul resto del mondo.

I Poison hanno scoperto che sono degli ospiti perfetti per i simbionti. Inoltre, hanno imparato che se prendono un simbionte legato a un essere con super poteri, acquisiscono anche questi. Ora stanno sfruttando il momento e il luogo giusti, utilizzando quei simbionti come armi per aiutarli ad acquisire ancora più potere. Sono dei bulli e dei conquistatori, ma in fondo sono terrorizzati dall’idea di perdere la forza che hanno appena ottenuto. Questo li rende estremamente pericolosi.

Venom non vuole avere nulla a che fare con gli X-Men e le loro avventure spaziali. Loro, ovviamente, non accetteranno un “no” come risposta, quindi fanno ciò che farebbero normalmente in situazioni simili: provano a rapirlo. Si potrebbe dire che Eddie e gli X-Men siano partiti con il piede sbagliato, ma nel corso della storia inizieranno a capirsi e a creare un’amicizia. Ho la sensazione che Venom e Ciclope saranno amici per parecchio dopo questa storia.

In questo Annual, Edgar [Salazar] ha dovuto bilanciare elementi misteriosi e horror, con simbionti e fantascienza. Stiamo affrontando una space opera vera e propria, e ha fatto un lavoro incredibile per infilarci tutto quanto! Da lettore, ho sempre amato le avventure legate allo spazio degli X-Men, per questo amo vedere ciò che sta facendo con questo tipo di storia.

X-Men: Blue Annual #1, anteprima 02

Scrivere Venom è sempre molto divertente. Questa volta è un po’ diversa dalle altre, per me, perché stiamo entrando nella testa del simbionte più di quanto non sia mai stato fatto prima. Abbiamo monologhi e dialoghi interiori del simbionte, per questo è così interessante. Vedere Eddie interagire con personaggi come gli X-Men dà l’opportunità di mostrare diversi lati della sua personalità.

Rendere questa storia realr sia per Venom che per gli X-Men ha presentato diverse sfide. Penso che ogni team creativo infonda la propria voce in questi personaggi. Credo di aver centrato il giusto bilanciamento tra una storia dedicata a Venom e una degli X-Men, creando in più un tono differente che funzioni con tutti i personaggi nel loro insieme.

È già stato annunciato Venomized, con cui veniamo a sapere che i Poison sono in arrivo sulla Terra. Venom e gli X-Men saranno coinvolti anche in quella storia, quindi Poison-X ne è una sorta di prologo. Posso aggiungere questo: ha dei momenti cupi, colpirà gli X-Men dove fa più male.

Mothervine è già apparsa sulle pagine di X-Men: Blue. È una formula che Miss Sinister ha scoperto nel DNA dei mutanti appartenenti all’Universo Ultimate che sembra garantire delle mutazioni secondarie a coloro che ne sono vittima. Inoltre, sembrano esserci alcuni effetti secondari piuttosto gravi. La donna – con Bastion, Havok e la Regina Bianca – ha però un piano a riguardo. Non sappiamo di preciso cosa stiano facendo, ma Magneto vuole scoprirlo a tutti i costi…

 

In chiusura, vi mostriamo le prime tavole tratte dalla seconda parte di Poison-X, che sarà pubblicata su X-Men: Blue #21 (in uscita domani negli States), scritto da Cullen Bunn e disegnato da Jacopo Camagni, con copertina di Arthur Adams. Ecco la sinossi:

 

Pirati spaziali simbionti! Gli X-Men e Venom hanno posto le domande sbagliate nella peggior taverna dello spazioporto! I pirati spaziali sono già abbastanza malvagi… ma diventano pure peggio quando usano i simbionti alieni come armi!

 

 

 

Fonti: Marvel | CBR