Orfani - Sam 3, disegni di Luca Casalanguida, colori di Andres MossaDopo Stella cadente, prosegue la fuga di Perseo e Andromeda, scortati dalla ex Mocciosa, nel terzo capitolo di Orfani – SamIl deserto nero. Roberto Recchioni e Michele Monteleone spostano la scena tra le sabbie di Nuovo Mondo, mostrandoci la parte più desolata e inospitale del pianeta, immortalata con violenza pittorica dal tratto ficcante di Luca Casalanguida e dalla potenza dei colori di Andres Mossa.

In mezzo al nulla, si para improvvisamente davanti ai protagonisti un possibile riparo, un tetro edificio una volta centro di estrazione e raffinazione mineraria. La costruzione, tuttavia, non è abbandonata ed è stata trasformata in una chiesa votata al culto della Madre Severa. Quest’ultima non è altro che l’ex presidentessa Jsana Juric, adorata come salvatrice della nostra specie.

La comunità, presieduta dal giovane diacono Luca, si è impegnata a custodire le memorie delle imprese e gli insegnamenti della donna, considerata una santa, e non appare una minaccia per i due ragazzi, anche se il comportamento di chi offre loro ospitalità risulta alquanto sospetto.

Nel mentre, tra i palazzi del potere di Itaca – com’è stata battezzata la colonia originaria di Nuovo Mondo – i contrasti tra il Generale Petrov e il Governatore Garland si acuiscono e sembrano minare seriamente l’accordo inizialmente nato tra i due.

Orfani - Sam 3, disegni di Luca Casalanguida, colori di Andres MossaCon la consueta abilità dei suoi scrittori, Il deserto nero miscela azione, suspense e intrigo, continuando a svelare il lato più imprevedibile dei suoi personaggi. Su queste pagine si compie l’ennesimo capovolgimento di prospettiva, componente che ha contraddistinto la saga creata da Recchioni ed Emiliano Mammucari fin dagli esordi.

Il lettore è costretto a rivalutare le sue convinzioni persino nei confronti di una spietata macchina della morte come Sam, arrivando quasi a provare tenerezza per lei e apprezzando la sua fermezza di androide in cui scintillano sempre con maggior frequenza barlumi di una remota umanità.

All’esuberanza dei disegni di Casalanguida e dei colori di Mossa, che ci descrivono la cruda realtà, c’è nuovamente spazio per la dimensione fantastica e onirica, qui affidata al tratto fiabesco e cartoony di Sergio Mancinelli, che ci racconta la leggenda della Regina Rossa e la perdita di coscienza di Andromeda. E, a proposito di leggende, questo numero non poteva che concludersi con un omaggio all’icona per eccellenza di Sergio Bonelli EditoreTex, nella figura del suo impareggiabile cavallo Dinamite.