Spazio, ultima frontiera! Don Rosa, seguendo le orme di Carl Barks – che già in alcuni casi aveva portato i Paperi oltre l’orbita terrestre – si cimenta con un’avventura fantascientifica.

La trama de L’attacco delle orribili creature spaziali (Attack of the Hideous Space Monsters, del 1997), vede Zio Paperone all’inseguimento del suo deposito nello spazio, dove l’edificio è trasportato da un misterioso motore di origine aliena fortunosamente recuperato dal miliardario. L’inseguimento termina nella cintura degli asteroidi, dove i Paperi fanno la conoscenza di una famiglia spaziale: le differenze tra i terrestri e gli alieni, come scoprono i nostri, sono meramente esteriori.

Al di là dell’ambientazione spaziale, però, questa avventura è più una riflessione sull’anziano Paperone, che, dopo decenni di avventure che gli hanno concesso di scoprire ogni angolo del globo, è privo ormai del brivido dello sconosciuto, in quanto, ormai, ha scoperto ogni segreto e ogni tesoro del mondo.

Lo spazio, così, diventa quella nuova frontiera che risveglia in lui le sensazioni ormai sopite della sua giovinezza nel west, in Africa, in Australia e, ovviamente, nel Klondike. Il nonno della famiglia di alieni che incontrano i Paperi è, al di là dell’aspetto, anch’egli un avventuriero come lo Zione, che ne comprende a fondo l’estremo bisogno di avventura.

L'attacco delle orribili creature spaziali

La necessità dell’autore di riportare la situazione allo status quo non può, ovviamente, evitare il ritorno dei nostri a Paperopoli, non senza, però, che Zio Paperone ne tragga un utile, riuscendo così – effettivamente – ad aggiungere anche lo spazio tra le sue personali conquiste.

Una nota merita la relativa verosimiglianza scientifica della storia, come nella tradizione di Don Rosa: tempi, distanze e velocità nello spazio sono resi in modo piuttosto realistico. E se forse è poco credibile la densità di asteroide della cintura, l’autore si fa perdonare la licenza con il folle e geniale anello di monete che si forma attorno all’asteroide che ospita il deposito.

L'attacco delle orribili creature spaziali

Una curiosità: probabilmente i rapporti tra Rosa e la Disney, che mai sono stati idilliaci, cominciano in questo periodo a inasprirsi ulteriormente. A differenza dei tradizionali easter egg con protagonista Topolino, infatti, in L’attacco delle orribili creature spaziali Don Rosa mette in scena una vera e propria (divertente) provocazione contro la casa madre e il suo simbolo più famoso, come si evince dalla vignetta che segue.

L'attacco delle orribili creature spaziali

 

D.U.C.K. HUNT

L’omaggio all’Uomo dei Paperi si trova nella vignetta d’apertura, piuttosto ben visibile tra le rocce di un asteroide che esplode.

 

L'attacco delle orribili creature spaziali

 

CHRONO DON ROSA: