Lo scorso 7 aprile è arrivato in edicola il 678° numero di Tex, contente il primo dei due atti di un racconto che già dal titolo promette grandi emozioni: Jethro! Ai fan di vecchia data non occorrono spiegazioni, ma per le giovani leve va detto che su queste pagine Mauro Boselli riporta in scena dopo molto tempo il personaggio eponimo dell’episodio, da lui creato e apparso nella tripla storia andata in scena qundici anni or sono, sui numeri 497, 498 e 499 di Tex, ovvero La grande invasione, Guerra di frontiera e Gli eroi del Texas.

Jethro Stevens è uno schiavo liberato costretto ai lavori forzati e scampato alla pena di morte grazie alla benevolenza di una giuria nordista. Ha ucciso il suo ex padrone dopo che questi, con altri membri del Ku Klux Klan, ne aveva massacrato la prima moglie e il giovane fratello. Viene liberato con altri detenuti a seguito dei servigi prestati nell’eroica resistenza di Fort Quitman, in cui un pugno di coloni e carcerati, capeggiati da un giovane Tex, ha respinto l’assalto delle orde di Comanche di Tonkawa, Quanah Parker e Buffalo Chief.

In quell’occasione è nato un patto di fratellanza tra il ranger, l’uomo di colore e un’altra figura borderline molto amata dai lettori che non vi sveleremo – rispettando le raccomandazioni di Boselli – per non rovinarvi la sorpresa. In questa nuova avventura, che riporta a galla un altro tassello del passato del protagonista, i tre amici si mettono in marcia verso il Mississippi: ogni promessa è debito per Aquila della Notte, che si è impegnato ad aiutare Jethro a ottenere giustizia e la restituzione della sua terra.

La Guerra di Secessione (1861 – 1865) è finita, la Confederazione – insieme al suo credo – ne è uscita sconfitta, ma nella contea di Willingford il rispetto della legge, e soprattutto degli afroamericani, è un concetto pressoché sconosciuto; nel paese del “Grande Fiume”, i Cavalieri Incappucciati sono una triste e tremenda realtà, con la loro ideologia che imperversa e si insinua in tutti gli strati del tessuto sociale.

Tex sa come si tratta con la peggior feccia e i suoi due compagni non sono da meno. Isolati dalla diffidenza e dal disprezzo di un intero villaggio, l’icona di Sergio Bonelli Editore si staglia luminosa nel buio generale dell’ignoranza e della discriminazione, come nell’evocativa copertina di Claudio Villa.

Jethro! affronta un problema enorme che l’America non ha ancora risolto al giorno d’oggi, e, come i fumetti dei supereroi nati oltreoceano, ci fa credere che non esistano ostacoli insormontabili per i campioni del bene. Se è prematuro un confronto con la trilogia citata all’inizio, ormai un caposaldo del personaggio, un classico delle sue avventure, questo fumetto si presenta da subito come un eccellente sequel, anche se contestualmente molto diverso.

Se l’indimenticabile Carlo Raffaele Marcello (16 novembre 1929 – 23 dicembre 2007) disegnò la saga del 2002, alle matite di Jethro! troviamo un veterano del calibro di Corrado Mastantuono, che ci regala, con il suo tratto distinto e personale, tavole ricche di umanità e naturalezza; ogni vignetta sprigiona una vita propria e una travolgente spontaneità, dalle scene più leggere a quelle più concitate e drammatiche.