Chrono Don Rosa #45: Zio Paperone e il tesoro di Re Creso

tempo di lettura 3'
Terminate le fatiche dovute alla stesura della Saga di Paperon de’ Paperoni, Don Rosa torna al tradizionale modello delle avventure dei Paperi in giro per il mondo giocando abilmente, però, con gli scenari consolidati e riuscendo in più di un’occasione a mettere in atto svolte inaspettate.

Zio Paperone e il tesoro di Re Creso (The Treasury of Croesus), del 1995, si apre con un classico attacco di Amelia ai danni dello Zione. Don Rosa ne approfitta per rammentarci il motivo dell’ossessione della fattucchiera per la Numero Uno, elemento che tornerà utile nel finale: la strega intende fonderla per creare l’amuleto che le darebbe il mitico Tocco di Mida. Ma, per funzionare, deve trattarsi della moneta appartenuta all’uomo più ricco di sempre, e c’è un solo personaggio che potrebbe rivelarsi essere stato più abbiente di Zio Paperone: Re Creso.

Don Rosa, preciso e attento ai dettagli, riassume la storia di Creso e del Tempio di Artemide, costruito da Re della Lidia, su cui, scopriamo, vi sono le indicazioni per trovare il tesoro dell’antico sovrano.

L’umorismo donrosiano, unito all’ossessione per la precisione, ha risultati esilaranti. Dopo aver seguito indizi per mezzo mondo e aver riconosciuto nelle tre lettere “zeta”, “omicron” e “pi” – trovate su una moneta – una dedica a Zeus, la storia decolla in modo iperbolico e inaspettato. I tre segni, infatti, se uniti, formano una sorta di monogramma che campeggia sull’edificio che custodisce il tesoro dell’antico sovrano. Il risultato è geniale, come si evince dalla splash-page che rivela l’antica costruzione!

Zio Paperone e il tesoro di re Creso

Le analogie tra Creso e Paperone, scopriamo, sono innumerevoli (e decisamente bizzarre). Don Rosa spinge le similitudini fino a mostrarci la… prima moneta dell’antico sovrano! Questo consente all’autore di giocare con i classici scenari barksiani, rinnovandoli senza distruggerli.

Paperone, in un’usuale accordo, cede ad Amelia la Numero Uno di Creso, così che la fattucchiera possa finalmente realizzare il suo amuleto. E che questo funzioni (liberandolo dalla minaccia della strega) o fallisca (confermandolo l’uomo più ricco mai vissuto), Paperon de’ Paperoni ha vinto comunque!

 

D.U.C.K. HUNT

La dedica a Carl Barks si trova nella prima vignetta, tra le esplosioni causate da Amelia vicino al deposito.

Zio Paperone e il tesoro di re Creso

 

CHRONO DON ROSA:

http://www.badcomics.it/2017/01/chrono-don-rosa-34-la-saga-di-paperon-de-paperoni-capitolo-5-il-nuovo-proprietario-del-castello-de-paperoni/139315/