Harley Quinn è un personaggio DC Comics creato da Paul Dini e Bruce Timm nel 1992: curiosamente, Harley non è nata sulle pagine dei fumetti, ma nella serie animata con protagonista Batman. Solo alcuni anni dopo è stata integrata ufficialmente nella continuity della casa editrice americana, divenendo a tutti gli effetti parte integrante dell’Universo DC.

Vi sono diverse curiosità attorno al personaggio di Harley Quinn, una fra tutte quella sulla sua nascita: Paul Dini, infatti, è stato ispirato per la sua creazione da una puntata della soap opera Days of our Lives, nella quale l’attrice Arleen Sorkin balla vestita da clown. È stato lo stesso nome di Arleen a ispirare quello di Harleen Frances Quinzel, nome di battesimo del personaggio; inoltre l’attrice è stata la prima doppiatrice di Harley nella serie animata.

 

Origini

Harley Quinn 01La dottoressa Harleen Quinzel lavora come psicologa presso l’Arkham Asylum, il manicomio criminale più noto del mondo dei fumetti, con sede a Gotham City. Affascinata dal profilo psicologico assolutamente unico di Joker (e intenzionata a scrivere un libro a riguardo), riesce a incontrarlo e a prenderlo in cura.

Paradossalmente, però, la dottoressa cade vittima del fascino malato e del carisma del Principe Pagliaccio del Crimine, finendo per invaghirsene in maniera ossessiva. Harleen decide quindi di far evadere Joker da Arkham per coronare il suo sogno d’amore, subendo però poco dopo l’abbandono da parte del criminale.

È l’inizio di una relazione folle e disfunzionale, che porterà la psicologa alla pazzia più totale e alla sua trasformazione nella villain Harley Quinn.

 

Batman – La serie animata

Harley Quinn viene presentata già come pazza criminale, che indossa un bizzarro costume da giullare e un buffo cappello con diversi campanelli, nel ventiduesimo episodio della prima stagione della serie animata Batman, intitolata Un piccolo favore (Joker’s Favor). È il 1992 e il personaggio viene introdotto come fidanzata e spalla di Joker. Le origini e il passato del personaggio vengono svelate solo più tardi, in un episodio della seconda stagione, intitolato Un grande amore (Mad Love), e ancora meglio nella graphic novel (fuori continuity) Amore folle (Mad Love), firmata dagli stessi creatori di Harley.

 

Mad Love

La trasformazione della dottoressa Quinzel in Harley Quinn viene esplorata magnificamente nella graphic novel Amore folle, nella quale viene spiegato come Joker impiegò una manciata di minuti per sedurre irrimediabilmente la sua analista, rovesciando facilmente le dinamiche di un normale rapporto medico/paziente. Nonostante la nemesi di Batman abbia un forte vantaggio psicologico su Harley e approfitti dell’amore incondizionato di lei, viene narrato come anche Joker abbia una certa affezione nei confronti della donna, che considera una sorta di “anima gemella”, tanto da impegnarsi molto nella sua trasformazione.

 

In continuity

Harley Quinn 03Il personaggio di Harley Quinn fa il suo ingresso ufficiale nella continuity a fumetti DC Comics, sulle pagine di Batman: Harley Quinn (1999), tie-in del grande evento della casa editrice intitolato Batman: Terra di nessuno. In questa storia, vi è il primo significativo shift tra la versione d’animazione e quella a fumetti del personaggio: Harley Quinn viene infatti introdotta come una vera e propria villain, una psicopatica fuori controllo, che compie diversi omicidi senza grossi problemi di coscienza. Una prima traccia di pietās si riscontra quando Harley impedisce all’amica Poison Ivy di uccidere Batman.

Poco tempo dopo, Harley muore nella sua prima serie personale, solo per resuscitare qualche tempo dopo, prendendo coscienza della sua pazzia, e facendosi ricoverare ad Arkham per guarire. La redenzione del personaggio sembra essere finalmente reale quando Harley aiuta in svariate occasione gli eroi della DC Comics, schierandosi tra i buoni e ribellandosi per la prima volta al suo ex amante, Joker, sabotando un suo piano. Per un breve periodo, Harley entra a far parte dei gruppo di anti-eroi noto come i Segreti Sei.

Più tardi, la ragazza farà parte di un trio assolutamente particolare, le Sirene di Gotham, che la vede fare squadra con Poison Ivy e Catwoman. Le tre sono protagoniste di bizzarre e rocambolesche avventure, oltre a convivere sotto lo stesso tetto. È in questo periodo che scopriamo nuovi elementi sul passato del personaggio, nato in una famiglia piuttosto disagiata di Bensonhurst: proprio il crescere in questa situazione scatenò in lei la voglia di studiare psicologia. La crescita del character va di pari passo con il suo allentamento dalla figura di Joker, che Harley tenterà persino di assassinare, venendo fermata da Batman e Catwoman.

 

I Nuovi 52

Harley Quinn 05Harley Quinn subisce un significativo restyling in occasione del reboot editoriale DC Comics noto come I Nuovi 52. Il personaggio abbandona il suo costume da pagliaccio, per una divisa più “essenziale” che mette maggiormente in risalto le sue forme femminili, presenta la pelle completamente sbiancata dall’acido (viene infatti confermato che Joker l’ha costretta allo stesso “bagno” che l’ha visto protagonista in passato), ha i capelli tinti di rosso e nero (e non più il suo colore biondo naturale) e un vistoso (e sbavato) make-up.

Quando Harley apprende della (presunta) morte di Joker, si impegna a rubare la sua faccia (che gli era stata chirurgicamente asportata), persino costringendo il suo nuovo “partner”, Floyd Lawton alias Deadshot a indossarla. Assieme al cecchino più famoso dell’Universo DC, Harley è una delle componenti di spicco della nuova Suicide Squad, team di criminali impegnati in pericolose missioni agli ordini di Amanda Waller.

Quando la pazza anti-eroina scopre che Joker è in realtà ancora vivo e l’ha ingannata e strumentalizzata per anni, decide di mettere fine in maniera definitiva alla sua relazione con il criminale. La sua nuova vita come donna indipendente viene esplorata ogni mese nella testata Harley Quinn, scritta da Amanda Conner e Jimmy Palmiotti, che è divenuta una dei best-seller DC Comics. Harley si è adesso trasferita a Coney Island, dove vive le sue avventure in solitaria, combatte per il bene della sua comunità (sempre a suo modo) e ha trovato in un uomo di nome Mason un nuovo, grande amore. Nei prossimi mesi, Harley Quinn sarà protagonista dell’ennesima rivisitazione estetica, che la porterà ad avere un look speculare a quello della sua controparte cinematografica, che vedremo in Suicide Squad di David Ayer, interpretata da Margot Robbie.

 

 

Harley Quinn 07